Scopri l’S1, il Grande Sentiero del Roero

Il trekking. Non esiste modo migliore per esplorare e conoscere la vera anima di un territorio, scoprendone peculiarità, piccoli paesaggi nascosti ed eccellenze.

E la zona del Roero ci aiuta molto in questo viaggio di esplorazione. Disseminato di sentieri e percorsi tematici, il territorio ci regala realtà uniche, scorci incredibili a stretto contatto con la natura.

Adesso ti starai chiedendo come visitare una zona tanto bella quanto grande a piedi.

Semplice, grazie al sentiero S1, conosciuto meglio come il Grande Sentiero del Roero.

Con un’estensione di circa 40 km, il percorso ci guida attraverso tutte le Rocche e tocca tutti e otto i piccoli borghi di sommità, ovvero quelli costruiti proprio sopra le Rocche.

40 km in un giorno?

È fattibile (occorrono circa 11 ore) ma chi ama andare con calma e godersi con tranquillità ogni scorcio può facilmente dividere il viaggio in due parti.

Ecco quindi tutti i consigli (divisi in due tappe) che l’Ecomuseo delle Rocche ci regala.

Le info complete per percorrere il Grande Sentiero del Roero

GIORNO 1

Il nostro viaggio comincia nel comune di Bra (dove è nato ed ha sede il movimento Slow Food), presso il Santuario della Madonna dei Fiori (tranquillo, nei prossimi articoli ti diremo tutto quello che c’è da vedere in questo comune).

La prima tappa, dopo aver percorso i meravigliosi boschi della zona, è Pocapaglia, borgo di sommità famoso per la bellezza dei suoi dirupi e del castello.

Facciamo un piccolo giro nel centro storico e proseguiamo addentrandoci in boschi di querce e castagni, fino ad arrivare a Sommariva Perno, borgo conosciuto come paese del castello della “Bela Rosin”, moglie morganatica di re Vittorio Emanuele II.

Dopo aver visitato i luoghi che la videro protagonista proseguiamo verso Baldissero d’Alba, attraversando altissime Rocche e un bosco primigenio, quello che un tempo ricopriva l’intero territorio.

le alte rocche verso baldisserro d'alba

Arriviamo così a Montaldo Roero, il più piccolo e meno abitato borgo di sommità.

Circondato da meravigliosi frutteti e vigne (particolare anche l’antica torre medievale), ci permette di godere di due diversissimi paesaggi: da una parte le imponenti Rocche e i boschi, dall’altra dolci colline coltivate.

Ma eccoci arrivati alla fine del nostro primo giorno, nel borgo di Monteu Roero, famoso per il suo castello.

il comune di monteu roero

 

GIORNO 2

Riposato? Bene, si parte per la seconda parte del viaggio.

Il Grande Sentiero del Roero riparte da Monteu Roero e si addentra tra magnifici noccioleti e castagni ultrasecolari, fino ad arrivare a Località Cerreta, vicino a Santo Stefano Roero.

il comune di santo stefano roero

Qui non puoi assolutamente perderti la Rocca che sovrasta il borgo e la chiesa del centro storico.

Continuiamo il nostro cammino fino a raggiungere il Sacro Monte dei Piloni, da tempo importante meta di pellegrinaggio. Il sentiero poi scende e si addentra in Val Diana, passando per Montà (scopri qui tutto quello che non puoi perderti).

Continuiamo ancora, fino a quando i boschi non iniziano a lasciare spazio ai peschi: questo vuol dire che ci stiamo avvicinando a Canale (scopri il perché).

Da qui parte poi la “Via Lunga” dei boschi, che si trasforma poi in diversi tornanti fino ad arrivare alla fine del nostro viaggio, a Cisterna d’Asti.

il comune di cisterna d'asti

Qualche informazione utile

Se non sei abituato a queste grandi camminate e vuoi partire con più calma esistono tanti altri itinerari che incrociano l’S1, sicuramente meno impegnativi.

Vuoi saperne di più?

Presso la sede dell’Ecomuseo delle Rocche (Piazzetta della vecchia segheria, 2/b Montà – CN) e in altri punti vendita puoi trovare la cartina dettagliata delle Rete Sentieristica del Roero e l’audioguida, due strumenti utilissimi per conoscere ancora meglio la zona.

E per tutti i sentieri è disponibile online la traccia GPS scaricabile gratuitamente, con tutte le indicazioni e le informazioni sui luoghi di maggiore interesse.

Non vedi l’ora di partire per questo piccolo ma grande viaggio e scoprire il territorio del Roero e delle Rocche? Nel frattempo dai un’occhiata alle cantine del nostro Consorzio che puoi trovare in zona!