I comuni del Roero: Baldissero d’Alba

Continua il nostro viaggio alla scoperta dei comuni del Roero.

Oggi tocca a Baldissero d’Alba, zona che si trova tra Bra, Montà, Canale e Sommariva del Bosco.

Il paese (che in piemontese viene chiamato Baussé) deve il suo nome ai diffusi boschi che si trovavano in zona. “Vauda” o “Bauda” infatti è una volgarizzazione del termine tedesco “wald”, bosco appunto.

Famosa per i suoi 450 ettari di superficie coltivata, Baldissero d’Alba è nota per la sua produzione di pesche (introdotta nei primi anni del ‘900), di fragole e gli ottimi Roero e Roero Arneis.

Dopo questa piccola sintesi, è arrivato il momento di scoprire tutto quello che c’è da vedere in questo piccolo borgo di sommità!

Cosa vedere a Baldissero d’Alba

  • Castello dei Colonna: meravigliosa costruzione esistente già nel 1268. Dopo vari assedi sabaudi (1389 e 1487) vide alcune modifiche tra il 1585 e 1617. Deve il suo nome alla famiglia dei Colonna, che abitò qui fino all’estinzione. In seguito il castello passò a Guglielmo Moffa di Lisio, patriota e politico della zona, che lo ricostruì intorno al 1870 seguendo linee neogotiche;
  • Chiesa di Santa Caterina: si tratta di una chiesa parrocchiale che si trova al centro della storica “villa”. L’edificio che possiamo ammirare oggi è una ricostruzione barocca avvenuta tra il 1711-1712. È proprio in questi anni che viene costruita la sopraelevazione del campanile. La facciata invece viene ultimata solamente nel 1854. All’interno non puoi assolutamente perderti il bellissimo organo;
  • Osservatorio Ornitologico del Roccolo: interessante stazione fissa mimetizzata nella vegetazione utilizzata per attrarre gli uccelli della zona e studiarli. Si trova proprio al centro dell’ultimo bosco piemontese di pianura, una piccola realtà che un tempo ricopriva l’intera zona.

Stai già programmando la visita a Baldissero d’Alba?

Dai un’occhiata alle cantine che puoi trovare in zona per degustare la nostra fantastica DOCG!

Ringraziamo Valter Abbà per la foto.